.

Na strende m'agghje 'ndise atturne o core / de fueche. Na u fa cchjù, ca pozze more. Da “Nu viecchju diarie d'amore” di Pietro Gatti

giovedì 19 ottobre 2017

Cultura salentina in lutto

TRICASE – Si è spento all’età di 86 anni l’intellettuale salentino Donato Valli. Nativo di Tricase, è stato un esponente di rilievo del mondo accademico e del panorama culturale salentino. 
Nella sua carriera ha ricoperto il ruolo di professore ordinario di Letteratura italiana moderna e contemporanea nell’Università di Lecce, della quale è stato rettore dal 1983 al 1992 e poi preside della Facoltà di Lettere e Filosofia. Da magnifico Valli fu promotore della nascita delle Facoltà di Scienze Economiche e poi di Ingegneria, ponendo le basi del progetto di quello che è divenuto il campus di Ecotekne.
Allievo di Girolamo Comi, fu il primo a riconoscere il valore delle grandi figure della letteratura salentina del Novecento, delle quali è stato amico e poi studioso fino agli ultimi di vita. Studioso dei secoli XIX e XX, si è occupato in particolar modo di Manzoni, del purismo letterario ottocentesco, delle poetiche protonovecentesche e dell’ermetismo. Nel corso della sua attività ha curato numerose ricerche sulla letteratura salentina, tra cui la prima ricostruzione storico-critica dall’Unità ai giorni nostri.
Dal 1997 al 1986 insieme con Oreste Macrì ha diretto la rivista “L’Albero” e nel corso degli anni  ha pubblicato numerosi volumi dedicati al mondo della letteratura.

Foto Patrizio Suma

Maggio 2009 Ceglie Messapica. Donato Valli, con Patrizio Suma, il Maestro Uccio Biondi, il Sindaco Pietro Federico, e il vice Sindaco Nicola Trinchera, in occasione dell'apertura dello scrittoio del Poeta Pietro Gatti.

La toppa è peggio del buco!

La toppa è peggio del buco!
Dalla conferenza stampa convocata dal Sindaco Caroli ci saremmo aspettati i chiarimenti rispetto alle numerose irregolarità riscontrate dall'Autorità Anticorruzione sull'operato dell'Amministrazione. 
Il Sindaco, invece, da un lato minimizza quanto dedotto dall'ANAC, affermando che si tratterebbe di poca cosa; che lui non poteva controllare tutto; che, insomma, quando si lavora si può sbagliare! E' vero, quando si lavora possono capitare alcuni errori. Ma l'alto numero e la gravità delle irregolarità riscontrate dall'ANAC non possono essere derubricate a "piccoli errori". Qui si tratta di cattiva amministrazione e di totale inadeguatezza della Giunta e del Sindaco. Come abbiamo già detto Caroli non può lavarsi le mani di quanto accaduto: o sapeva, e quindi è corresponsabile; oppure tutto accadeva sotto i suoi occhi, e allora non è in grado di esercitare il controllo minimo che si richiede ad un amministratore.
Pur di non dare risposte concrete, poi, il Sindaco prova a buttarla in "caciara", prova a fare di tutta l'erba un fascio. E allora fa riferimento ad atti e situazioni che nulla hanno a che vedere con le contestazioni di ANAC. Il Partito Democratico esprime piena solidarietà agli ex assessori del PD Rocco Argentiero e Tommaso Argentiero, tirati in ballo in modo subdolo dal Sindaco, e rivendica quanto è stato realizzato dalla Giunta Federico. E' bene ribadire che l'Autorità Anticorruzione ha mosso rilievi all'azione della Giunta Caroli, non alla precedente amministrazione. Tutto il resto è fantasia. Del resto è davvero strano che Caroli si ricordi oggi, a distanza di molti anni, degli atti della giunta precedente. Ove avesse davvero riscontrato delle irregolarità, aveva il preciso dovere di evidenziarle appena insediato. Come pure ha il preciso dovere di partecipare, egli o un suo delegato, ai Consigli di Amministrazione del Conservatorio. Lì si decidono questioni che riguardano anche i danari dei cegliesi. Non può dire che non vi ha partecipato per antipatie personali. La buona amministrazione prescinde dalle simpatie!
La toppa, insomma, è peggiore del buco. Il Sindaco Caroli non ha fornito alcuna giustificazione convincente alle contestazioni dell'ANAC. Quindi non si può che ribadire il giudizio fortemente negativo del PD riguardo all'amministrazione e la necessità di ulteriori approfondimenti. Bene ha fatto, dunque, il consigliere comunale del PD, Rocco Marrazza, a sottoscrivere, insieme a tutti i consiglieri di opposizione, una richiesta di convocazione del Consiglio comunale per discutere di queste questioni.

PD Ceglie Messapica

Omologazione moto storiche

GIORNATA DI OMOLOGAZIONE
Sabato 21 ottobre, con inizio alle ore 08.30 a Ceglie Messapica presso l’autosalone AUTOARGENTIERO situato sulla provinciale per Francavilla Fontana, si terrà una seduta nazionale di omologazione moto storiche A.S.I. (Automotoclub Storico Italiano).
La designazione della sede dell’evento è stata ottenuta dal presidente del Vespa Club Ceglie Messapica, Giuseppe Nacci referente del Veteran Club Valle d’Itria di Martina Franca affiliato A.S.I., ricevendo l’incarico dal presidente Arcangelo Conserva già Consigliere Nazionale ASI che ha ritenuto opportuno designare la nostra città visto l’impegno profuso negli anni da Giuseppe Nacci nell’organizzazione di eventi motociclistici sul nostro territorio.
Da qualche anno Giuseppe Nacci è Commissario Tecnico Nazionale di manifestazioni moto A.S.I. quindi conscio dell’importanza che riveste l’omologazione dei moto veicoli storici ha accolto con grande entusiasmo e soddisfazione questa designazione.
L’importanza che riveste l’omologazione di un moto veicolo sta nel fatto che il mezzo viene valutato nel suo stato di originalità, restauro e conservazione dello stesso quindi, nella seduta di omologazione, la commissione competente rilascerà una certificazione di identità del motoveicolo e la cosiddetta targa oro che darà lustro al veicolo stesso.
In quella giornata saranno presenti, giusto per citare qualche dato, mezzi di alto valore storico motociclistico quali una Vespa 125 faro basso di proprietà del signor Nicola Mancarella appartenente al Vespa Club San Vito dei Normanni; una Vespa 90 SS del Signor Tagarelli proveniente dal salento oltre a tantissimi altri modelli di pregio storico.
Una occasione unica per la nostra città per ospitare questo evento di grande rilievo nel mondo motociclistico d’epoca.

Congresso messapico

Il Congresso del Circolo del Partito Democratico di Ceglie, unitamente al Congresso provinciale, si svolgerà domenica 22 ottobre nei locali siti in via XX Settembre, n. 91. 
Dalle ore 10,00 alle ore 12,00 Interventi e discussione. 
Votazioni dalle ore 11.00 alle ore 19.00. 
Possono votare tutti gli iscritti al 2016 e gli iscritti al 2017.

lunedì 16 ottobre 2017

Conferenza Stampa



CONFERENZA STAMPA DEL SINDACO LUIGI CAROLI.

Martedì 17 ottobre, alle ore 16.00, presso la Sala Istituzionale del Municipio (in via De Nicola) si terrà una Conferenza Stampa del Sindaco Luigi Caroli.

La stampa, le televisioni, i blog, i tecnici e tutti i cittadini sono invitati a partecipare.






Pallacanestro: la classifica.

Pallacanestro Serie C Silver
4a Giornata Andata
 PetrolMenga Ceglie - Vieste
90 - 77
Parziali: 21-21 / 19-21 / 25-21 / 25-14



CLASSIFICA
Monopoli 8,
Mola, Francavilla, Corato, Altamura, Ruvo di Puglia 6,
Taranto, Manfredonia, N.P. Ceglie,  Lecce, Castellaneta 4,
Martina Franca, Ostuni, Vieste 2,
Monteroni, Santeramo 0.
La prossima: 5a giornata andata 21 ottobre
  Manfredonia - Ceglie


domenica 15 ottobre 2017

Buona domenica



ore  16:00 - 19:00
Museo Archeologico e di Arte Contemporanea

ore 16:00 - 19:00 
Biblioteca "P. Gatti" e Pinacoteca "E. Notte"

Grotte di Montevicoli
CHIUSE info: 3271909148



ore 18:00 Palasport 2006
Pallacanestro Serie C Silver
    Ceglie - Vieste






Farmacia di turno
Farmacia Carparelli
Via Cristoforo Colombo, 3/C
Telefono: 0831-388347


U vangele di iosce
Tutti quelli che troverete, chiamateli alle nozze. 
 (Mt 22,1-14)
Clicca qui.

Nu dittèrje
Agni pizzik' agnorik'
Ogni pizzico annerisce
Ogni granello di sabbia forma la spiaggia.
Fonte: Per le parole antiche, Proverbi cegliesi

Na fotografije
Ceglie Bella? Sì

Foto Gianni Leo

A terra meje


FAVA DI SAN FRANCESCO



Quella che in alcune regioni d'Italia potrebbe sembrare una blasfemia, dalle nostre parti altro non è che un legume. Nota in alcuni comuni col nome di fava di San Francesco in altri - come a Mola, suggerisce il maestro Passalacqua - diventa la fava di Sant'Antonio. I semi che potete ammirare in foto provengono da un contadino di Cisternino, ma questo legume, indipendentemente dal nome attribuitogli, è presente un po’ ovunque in tutta la Puglia. Curioso notare che in alcune province è considerata una varietà di serie B, mentre in altre, come nel Brindisino, è molto apprezzata ed è ritenuta una cultivar che non favorisce lo sviluppo dell'orobanche. Vero o falso? Sarà questa la discriminante che la fa apprezzare là dove le orobanche non sono considerate un alimento e, viceversa, la rende detestabile nei comuni in cui le orobanche sono considerate una prelibatezza? Al momento non possiamo far altro che ipotesi e provare a coltivare questo legume. In cucina, invece, come da prassi, possiamo seguire i consigli del nostro chef dell'orto Valerio Tanzarella.
Angelo Giordano 


Dovrò attendere la primavera per assaggiare le fave fresche di San Francesco. Quindi, prima di allora, non potrò dare un parere. Sul secco, però, qualcosa posso dirla. Le ho testate fritte. Non conosco la dinamica chimica del processo ma questa varietà, una volta fritta, rimane poco intrisa di olio e si presenta croccante e friabile ma mai dura. Insomma, lo snack perfetto da gustare davanti al camino con un buon libro fra le mani non appena arriverà il freddo, quello vero. Anzi, se me lo permettete, oggi vi consiglio "Intelligenza emotiva" di Daniel Goleman. Un testo suggeritomi da Angelo Giordano qualche anno fa e che potrà essere utile in molti aspetti della vita di tutti i giorni.
Valerio Tanzarella



venerdì 13 ottobre 2017

Ancora pochi giorni...


Ancora pochi giorni per visitare “La culla delle Albe” la mostra di Uccio Biondi nella Palazzina Belvedere sul lungomare di Brindisi, ideata e organizzata dall’associazione culturale Arte Antica e Contemporanea “Le Colonne” e dalla spin off CRACC dell’Università del Salento, con la collaborazione culturale dell’Associazione Amici dei Musei di Brindisi
La mostra è stata prorogata fino al 16 ottobre vista l'altissima affluenza di visitatori sino a fine settembre, data prevista per la chiusura, attratti dal binomio reperti archeologici e arte contemporanea, un’esclusiva proposta che ha caratterizzato la stagione culturale del territorio.


-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-.-

 L'ANTEPRIMA presentata nello studio del maestro il 16 aprile 2014 a Ceglie Messapica.


LA CULLA DELLE ALBE di UCCIO BIONDI è un progetto che inizia nel 2012 con l'altopittura 4,48 | BANG e, mutuando da un testo drammaturgico di Sarah Kane, pone la domanda sul senso della vita che è di tutti. Come dire si nasce per morire. Da qui il rifugio e la tana da cui ripartire: la culla e l'alba, luoghi del non detto, del non visto, dell'inascoltato, del non avvenuto. Le storie vissute, il mito, le superstizioni, le fiabe, le paure, il delirio di una terra che diventa odio amorevole, la fede, l'incanto della memoria, la natura stessa e la sua mediterraneità, la donna, la femmina madre e matrigna, si racchiudono in forme tridimensionali sotto forma di maschere. Biondi ha chiesto e ottenuto volti veri, non terrecotte o mosaici raffiguranti chimere, centauri, sirene o arpie, bensì calchi in gesso. Donne sotto forma di maschere misteriose, coloratissime apparenze fantasmine fluorescenti, simulacri benigni ma esplosivi di una contemporaneità a volte disumana. Non hanno lo sguardo che pietrifica ma esorcizzano le ansie e i timori della sfera quotidiana. Sono insomma le compagne di strada messe a protezione dell'arte e dell'artista suo disincantato interprete . 
 LA CULLA DELLE ALBE è una installazione composta da due alto pitture di grandi dimensioni e quattordici maschere\ apparenze di varia dimensione.

 L'ANTEPRIMA sarà presentata nello studio del maestro
 MERCOLEDI 16 APRILE 2014 alle ore 19,30
 via bottega di nisco, 21- 23 _ Ceglie Messapica ( Brindisi )

Domenica si gioca in casa


giovedì 12 ottobre 2017

Il comitato si scioglie.

COMITATO CITTADINO VOLONTARIO PER LA TRASAPRENZA E LEGALITA’ DEGLI ATTI AMMINISTRATIVI DEL COMUNE DI CEGLIE MESSAPICA.

Comunicato stampa.

Oggetto: Scioglimento del Comitato Cittadino Volontario per la Trasparenza e Legalità degli atti amministrativi del Comune di Ceglie Messapica.

Il   Comitato cittadino si costituiva durante un’assemblea pubblica, il 20.12.2015,  presso l’atrio “scoperto” del Comune di Ceglie Messapica . In quella occasione l’assemblea  , vista la gravità delle problematiche amministrative, decise  di impegnarsi nell’evidenziare e contrastare la mancanza di trasparenza e rispetto delle norme in  riferimento agli atti e procedure amministrative prodotte  dall'amministrazione comunale del sindaco Caroli e dalla sua maggioranza.
La necessità di costituire il Comitato trovava ulteriore giustificazione nella evidente mancanza di una attenta e  consistente opposizione consiliare disposta ad espletare, fino in fondo, il proprio ruolo di controllo. In sede di costituzione del Comitato cittadino ci  fu subito la consapevolezza della straordinarietà  e  inusualità dell’iniziativa , di conseguenza  si decideva  che il Comitato doveva durare   solo per il tempo necessario a sollecitare la politica locale  ad appropriarsi del  proprio ruolo e per richiamare l’attenzione e l’intervento degli organi di controllo per   porre rimedio ad una attività amministrativa irresponsabile che rischiava di creare problemi  seri per la città.
In questi mesi di attività il Comitato ha prodotto ,in maniera puntuale e motivata, diverse istanze, informative e richieste di interventi di verifica  a diversi organi di controllo. Alla luce dei riscontri che in questi giorni abbiamo avuto modo di leggere(dopo il solito e colpevole ritardo nella pubblicazioni degli atti  da parte del Comune sull’Albo Pretorio), sembra che nessuna segnalazione del Comitato è stata ritenuta infondata. Corte dei Conti, Autorità Anticorruzione e Ispettorato Generale di Finanza  hanno evidenziano negli atti amministrativi dell’ente : l’assenza dei presupposti necessari nei tanti  affidamenti diretti e senza gara di servizi e forniture ; mancanza dei  preventivi impegni di spesa; artificiosi frazionamenti degli appalti per evitare l’evidenza pubblica e   superare la somma determinata dalla soglia comunitaria; irregolari assunzioni di Funzionari , irregolarità negli affidamenti a cooperative sociali; irregolari proroghe nei contratti; mancanza di motivazioni nella realizzazione di perizie di varianti; eccessive anticipazione di cassa presso la Tesoreria, irregolarità negli incarichi esterni e tanto altro ancora.
 Vogliamo  evidenziare la nostra grande delusione nei confronti dell’operato  del Collegio dei Revisori, nominato ad ottobre del 2015, e del Segretario Generale.  Quello che doveva essere il primo livello interno di  garanzia e controllo  si è dimostrato, per essere buoni, inefficace. Basta ricordare che i Revisori, per poter dare risposte a problematiche sollevate dal Comitato, aspettano da mesi chiarimenti da parte di alcuni funzionari. Chiarimenti che,ovviamente, non arriveranno mai. 
In questi giorni siamo venuti a conoscenza che l’Autorità Nazionale Anticorruzione, oltre a continuare le proprie verifiche,  ha trasmesso, per le rispettive competenze, le proprie determinazioni alla Procura della Repubblica   e alla Corte dei Conti . Questo, ancora una volta,  dimostra la fondatezza delle osservazioni di questo Comitato e dei gruppi di opposizione  del precedente Consiglio Comunale. 
Arrivati a questo punto, in sede di riunione del 09.10.2017 ,abbiamo preso atto che quello che era l’impegno assunto in sede di assemblea costituente è stato portato a termine . Pertanto abbiamo  deciso  lo scioglimento del Comitato Cittadino Volontario. 
Questo   per dare spazio e responsabilità  e non continuare  ad offrire un alibi a chi, per mandato istituzionale e politico, è preposto a gestire questa nuova  situazione.
Ricordiamo ai consiglieri comunali che ci sono appalti e servizi che sembrano non dover trovare mai  fine : come quello della pubblica illuminazione , l’impianto di videosorveglianza, la gestione del Mac 9 cento , dell’ex piazza coperta ecc..
Il Comitato, nonostante sia stato oggetto di insulti e minacce (“Per controllare il Comitato ci vuole l’acido muriatico” diceva il Sindaco Caroli), non ha mai perso la calma e non ha mai espresso o assunto posizioni che non erano riferite esclusivamente alla  gestione  e realizzazione degli atti amministrativi. Mai un intervento contro le persone o le scelte di indirizzo  amministrativo. E’ evidente a chiunque che, alla luce di quanto sta emergendo dal lavoro ispettivo degli enti di controllo e alle deboli controdeduzioni dell’amministrazione comunale , si riscontra quello che noi abbiamo sempre sostenuto:  a Ceglie Messapica, con questa amministrazione comunale, non ci sono  le condizioni di una corretta vivibilità amministrativa. Risulta evidente  ,così come riportato dalle singole e varie relazioni ispettive ,  al di là dei singoli provvedimenti amministrativi , viene a galla un quadro generale e diffuso di “carenza in ordine all’applicazione della normativa” in definitiva siamo in  presenza di un “metodo Ceglie” di diffusa mancanza di  rispetto delle norme che regolano l’azione amministrativa. Questa situazione, a nostro avviso, va fatta presente con forza, urgenza  e responsabilità a S.E. il Prefetto. E’ auspicabile che le forze politiche i consiglieri comunali e la rappresentanza parlamentare del territorio si facciano promotori di questa iniziativa.
Nel chiudere questa esperienza civica e di responsabilità desidero ringraziare tutti coloro che hanno aderito e lavorato  al Comitato cittadino. Desidero ringraziare per la sua vicinanza e per l’impegno istituzionale l’on. Nicola Ciraci.
 Sono rammaricato e deluso da  coloro che dovevano e potevano partecipare a questa esperienza. E’ evidente che hanno perso una grande occasione.
  Un grazie particolare agli organi di stampa e ai blog che hanno dato visibilità al Comitato e informato i cittadini.
Il Comitato cittadino volontario per la trasparenza e legalità termina qui il proprio lavoro. Siamo pienamente convinti  di aver agito nel solo interesse e bene della  città .  Siamo inoltre certi che gli amici che  hanno vissuto questa intensa e impegnativa esperienza  avranno accumulato  esperienza e un bagaglio di educazione civica e amministrativa che sarà certamente  utile per continuare  ad impegnarsi all’interno di  partiti politici ,  associazioni  o   da semplici cittadini. 
  Ad maiora ! 

Ceglie Messapica 12.10.2017
                    Tommaso Argentiero


Riprendono le attività


Dopo la pausa estiva il Teatro Comunale di Ceglie Messapica riprende le attività a cura della Residenza Teatrale Armamaxa.

Il "POSTO DELLE FAVOLE", la rassegna teatrale per famiglie, inizia il 29 ottobre 2017.

SUL PALCO "Brunch", Rassegna di teatro contemporaneo è una rassegna teatrale, inizia il 19 novembre 2017, per un numero limitato di spettatori, che ha lo scopo di aprire le porte del retropalco al pubblico per renderlo partecipe dell’atto creato nel luogo stesso dove l’atto creativo si compie: il palcoscenico.

Il 23 ottobre riprendono i LABORATORI TEATRALI con Ni Na, Natascia e Mariangela per bambini e ragazzi. E' possibile partecipare ad una lezione prova gratuita.

LA STANZA DELLE FAVOLE, la ludoteca teatrale per bambini dai 4 ai 6 anni, inizia a ottobre.
Accolti dalla lettura di una storia i bambini saranno guidati a “rappresentarla” prima disegnandola e poi “giocando al teatro” con travestimenti ed improvvisazioni.